Caratello – I vini italiani
Deal des Tages

Panoramica regioni

Calabria

Calabria

La regione Calabria, con il suo capoluogo Catanzaro, si trova nel più profondo sud d'Italia. Forma la frastagliata punta dello “stivale”, quasi completamente circondata dal mare. Lo stretto di Messina separa la Calabria dalla Sicilia.

La viticoltura calabrese può vantare migliaia di anni di storia. Alcune delle varietà furono introdotte già dai coloni greci, tra cui probabilmente le varietà greche bianche e rosse in uso ancora oggi. I vigneti calabresi si estendono per circa 18.000 ettari, tra i quali il metodo di coltivazione tradizionale ad alberello è ancora molto diffuso. Si producono una dozzina di vini DOC i quali rappresentano circa un quinto della produzione totale. Due terzi dei vigneti si trovano in aree collinari, il resto in zone di pianura o di montagna. Le aree più produttive si trovano a nord sulla costa tirrenica e a sud sulla costa del Mar Ionio. Ci sono tre zone climatiche regionali: sul Mar Tirreno ad ovest c'è un clima subtropicale con poche precipitazioni nei mesi invernali; sul Mar Ionio il clima è caldo, secco e con poche precipitazioni; nelle alte quote delle catene montuose troviamo un clima più fresco rispetto alle regioni costiere. Nei mesi invernali la neve cade qui fino a 1200 metri. La Calabria ha 320 giorni di sole all'anno, il che la rende una delle regioni più soleggiate d'Europa.

I vitigni rossi più importanti sono il Gaglioppo (da cui si ricava il Cirò DOC), il Greco di Nero, il Nero d'Avola e il Sangiovese. Inoltre, una piccola perla per intenditori è la riscoperta uva Magliocco. Il vitigno bianco più importante è il Greco, che viene vinificato, tra gli altri, per produrre il passito Greco di Bianco DOC. Nei dintorni del paese di Saracena, in provincia di Cosenza, si produce anche un altro ottimo vino dolce, questa volta con uva Moscato.

Torna su Torna su